Visioni diverse sulla letteratura di migrazione? C’è Adrian Bravi alla Libreria Golconda – Mercoledì 19 ottobre ore 18

di malicuvata

ripubblichiamo volentieri

 

GENEALOGIE INCROCIATE ITALO-ARGENTINE:

LA PROSA DI ADRIÁN BRAVI

MERCOLEDÍ 1­9 OTTOBRE, ORE 18, LIBRERIA GOLCONDA (VIA NOSADELLA 23/A – BOLOGNA)

L’ultimo giorno, mentre domandava ripetutamente se fuori ci fosse già tumulto per causa sua, ha chiesto uno specchio, si è fatto acconciare i capelli e sistemare le guance cadenti.

Svetonio, Il divo Augusto, 99, I

Così recita la citazione in esergo all’ultimo romanzo breve, o racconto lungo, di Adrián Bravi, Il riporto(Nottetempo, Roma, 2011).

Titolo e citazione sembrano proiettare il lettore in una vicenda comica, forse anche banale, dove è l’acconciatura, nei suoi vari modi, e con i suoi specifici significati, a farla da padrone.

Come sempre, però, nei libri dell’autore italoargentino di stanza a Recanati, l’apparenza inganna, e il tema dei capelli e del riporto è solo una maschera dietro la quale si muovono altre storie, ben più ampie e profonde. E la risata si fa improvvisamente amara.

Ci introdurrà sulla soglia di queste e altre storie l’Autore, ospite del secondo appuntamento del GRULLISSIMO (Gruppo di Lettura aperto al Lettore Pessimo) mercoledì 19 ottobre alle ore 18 presso libreria Golconda (via Nosadella 23/a, Bologna).

Annunci