Vedi Cuba e poi muori

di malicuvata

Autore: Danilo Manera (a cura di)
Titolo: Vedi Cuba e poi muori
Edizioni: Feltrinelli, Milano 2000
Pagine: 176

vedi cuba e poi muoridi Erwin de Greef
L’isola di Cuba come «una nave errante» lontana dal mondo. Al suo centro, L’Avana, all’inizio del nuovo millennio, è una metropoli da vedere come città-donna, «sesso femminile pieno di edifici sconquassati», utero della ribellione e fallo del malcontento. L’Avana che incute timore con le sue ombre screziate e la gente che esce a notte fonda. L’Avana è la città della fame, dell’illegalità, dei contrabbandi, del sesso a pagamento. E questa vetrina di esseri umani negati alla legge è comunque l’isola della felicità, degli amori clandestini, delle fortune che si fanno e che si perdono, dei colori e degli odori, delle sbronze di rum, della musica caraibica e dei sigari Montecristo e Partagás. In quest’isola, l’ambizione della gente sembra essere quella «di esistere senza esistere» in una strana mescolanza di meraviglia e di passione, schizofrenia e allucinazione. Le otto storie qui raccolte, a cura di Danilo Manera, sono la narrazione colta, sincera, appassionata e sofferta di una generazione che si racconta come storia di un’emancipazione senza fine.

Annunci